Home » Un weekend zuccheroso con la bravissima Fiorella Balzamo

Un weekend zuccheroso con la bravissima Fiorella Balzamo

Buon pomeriggio amici! Come state? Io insomma: lunedì mi è venuta una super influenza intestinale: ero proprio uno straccetto. Però, per fortuna, pian pianino sto migliorando. Certo il cibo mi fa ancora molta impressione, ma oggi a pranzo ho, perfino, osato con un buon piattino di riso in bianco: due pugnetti addirittura: un pranzetto coi fiocchi quest’oggi 🙂 Però non posso assolutamente lamentarmi: per come è andata lunedì è veramente un lusso!

Ma veniamo alle cose serie: il super weekend bolognese all’insegna della pasta di zucchero. Due giorni meravigliosi con un’insegnante simpaticissima, oltre che bravissima: anzi dire bravissima è davvero poco. Insomma un fine settimana davvero indimenticabile: ho conosciuto persone davvero squisite, tutte accomunate dalla grande passione per i dolci e la loro decorazione, ho imparato tantissime cose nuove ed utili per le mie prossime torte e, ovviamente, ho avuto l’onore di incontrare e apprendere tutte queste cose da lei, una delle più brave cake designer italiane: Fiorella Balzamo! Che dire di più: un vero privilegio per me 🙂

Andiamo per ordine con il racconto! Durante il fine settimana abbiamo realizzato la decorazione di due torte (in entrambi i casi la base è di polistirolo, così posso metterle in bella mostra qui a casa!!!): la torta di sabato rappresentava un’infermiera sexy che si prende cura di un malato; quella di domenica, invece, un angioletto seduto su uno spicchio di luna.

Sabato abbiamo cominciato il corso partendo dalla realizzazione  del viso dell’infermiera: direi il passaggio più difficile e delicato di tutti. Da un’unica pallina di pasta di zucchero ho imparato a creare un viso femminile comprensivo di bocca e nasino. Gli occhi, invece, sono colorati con i pennarelli alimentari, l’ombretto con i coloranti in polvere perlescenti, ciglia e sopracciciglia con un pennellino sottile sottile e colorante nero in gel.

 

In queste due, prime immagini potete vedere la mitica Fiorella all’opera, durante la spiegazione per realizzare i nostri visi: certo visti fare da lei sembrava una passeggiata e, invece, che fatica 🙂

Questi sono i due volti che ho realizzato io cercando di applicare tutti i consigli e i suggerimenti della maestra! Diciamo che ho fatto le teste un po’ troppo lunghe e quindi i miei personaggi hanno dovuto subire un piccolo intervento: il taglio di una parte della scatola cranica 🙂 Poi abbiamo coperto il tutto con capelli e quant’altro!

Poi abbiamo realizzato il corpo della donzella: gambe, gonnellina, busto con camicetta e per ultime le braccia. Queste ultime le abbiamo fissate con un pochina di gelatina a freddo e alcuni spilli, che ho tolto una volta arrivata a casa in modo che le parti si unissero per bene tra loro!!!

Qui la torta è quasi finita: mancano gli ultimi ritocchi e poi la lunga giornata di sabato si è meritatamente conclusa. Un corso super intenso, ma ricco di soddisfazioni: tanto lavoro e tanta fatica, ma volete mettere la gioia a fine giornata di poter dire ci sono riuscita???? 🙂

Ed eccola qui la torta finita definitivamente e anche arrivata a casa: nonostante il viaggio da Bologna a Vicenza è giunta tutta sana e salva, senza nemmeno un graffio!!!

 

 

Ma vi mostro qualche particolare, cominciando dal viso di lei. Oltre al trucco per gli occhi, le abbiamo messo anche il rossetto e un filo di fard sulle guance 🙂

 

Lui, invece, è il povero ammalato con tanto di termometro in bocca e di sacca dell’acqua fredda per abbassare la febbre! A fargli da cuscino una bella garza che è talmente lunga da fargli da lenzuolo.










Per rendere il tutto più realistico, Fiorella ci ha svelato qualche trucchetto: per i buchini sui cerotti abbiamo utilizzato l’attrezzo per grattugiare la mela, mentre per la garza, abbiamo steso la pasta di zucchero, disteso sopra una vera e propria garza e ripassato il mattarello in modo da imprimere il disegno: geniale 🙂

 

Il tutto è stato completato con un po’ di pillole, l’infermiera seduta sopra il flacone delle pillole e una bottiglia di medicina!!!

 

Dopo di che è stata la volta della super torta di domenica: meno personaggi e oggetti da realizzare, ma la difficoltà era far stare tutto in equilibrio! Eh già, ora scoprirete perchè.

Come il giorno precedente, siamo partite dalla realizzazione del viso della bambolina: un po’ più semplice rispetto a quello dell’infermiera, ma a me è piaciuto infinitamente 🙂

 

Questo è quello creato da Fiorella per farci capire come procedere e come decorare gli occhi.

 

Quest’altro, invece, è quello che ho realizzato io: certo le differenze si vedono eccome, però io mi ritengo molto soddisfatta ugualmente: per essere le prime volte che realizzo un viso umano direi che posso ritenermi più che soddisfatta. Certo ora c’è solo da lavorare per migliorare, migliorare e migliorare ancora.

 

Mentre la testa si asciugava un po’, siamo andate avanti preparando la luna su cui avremmo seduto il nostro angioletto e il corpicino, partendo dalle gambe.

 

Prima di unire la testa al corpo, abbiamo rifinito la bocca, messo un po’ di fard sulle guance e unito i capelli.











 

Come ultime cose abbiamo realizzato gli altri dettagli come le nuvolette, aggiunto le stelline e attaccato le ali.

 
 

Prima del lungo viaggio di ritorno (credetemi che con due torte così in macchina, il viaggio è sembrato infinito 🙂 ), abbiamo scattato una bella foto ricordo!!!

E questa è la torta arrivata sana e salva a casa domenica sera e senza spilli che sostenessero braccia o altro 🙂

Quando sono montata in macchina avevo una paura per questa torta che non avete idea: ero terrorizzata dall’idea che potesse cadere e distruggersi. Sembravo una lumaca in curva 🙂 Ma per fortuna, quando sono arrivata in garage e ho avuto il coraggio di guardare se avevo fatto danni, tutto era al suo posto e ho tirato un super respiro di sollievo 🙂

 

  

Per rifinire meglio questo stupendo angioletto abbiamo creato un piccolo fiocco da mettere tra i capelli: credetemi che è davvero piccolo piccolo!







Il cuoricino e la stellina che pendono sono state appese utilizzando un semplice filo di cotone da ricamo: non che sia stato così semplice attaccarlo: la paura di tirare giù tutto era molta, ma con qualche piccolo aiutino ce l’ho fatta 🙂

 

E alla fine di queste due giornate di corso abbiamo anche ricevuto il nostro attestato: che soddisfazione 🙂

Beh che dire ancora: la testa è ancora piena di un sacco di informazioni, consigli, suggerimenti ascoltati durante questi due giorni. La voglia di mettere le mani in pasta è davvero altissima e spero di poterlo fare al più presto, per ora cerco di sistemare tutte le idee e metterle nero su bianco in modo da non dimenticare nulla. E appena mi sarò ripresa dall’influenza intestinale proverò sicuramente a pasticciare qualcosa 🙂

Bene amici miei per ora vi saluto che mi riposo un pochino e poi cerco di mangiare qualcosa per cena: penso opterò per una minestrina semplice semplice!!! Intanto vi auguro una buona serata e noi ci risentiamo quanto prima 🙂

Monica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto