Made in malga che passione!

La prima domenica pomeriggio di settembre. In cielo qualche nuvola grigia a velare il sole. L'aria frizzantina che richiama subito una felpina appena si scende dalla macchina.







E' così che comincia, anche quest'anno, il mio giro per il centro di Asiago alla scoperta dei sapori di "Made in malga". Una nuova edizione, la quarta per essere precisi, di questo evento incentrato nella scoperta e valorizzazione delle eccellenze gastronomiche della montagna.






















Una nuova edizione più ricca dell'anno passato: ricca di persone che hanno affollato le strade del centro di Asiago, ricca di eventi che si sono susseguiti in questa tre giorni di "Made in malga", ricca di produttori, malgari e non solo entusiasti di presentare i loro prodotti ai fortunati visitatori.



























Ognuno con il suo banco, ma soprattutto ognuno con la propria storia e i propri prodotti: salumi, erbe, grappe, vini, ma soprattutto loro, i veri protagonisti di questa manifestazione: i formaggi! Taleggio, morlacco, ricotta fresca e affumicata solo per citarne alcuni... e il re indiscusso: l'Asiago DOP dell'Altopiano. Le malghe dei Sette Comuni sono scese in città per farsi conoscere e per consentire di assaggiare, e perché no, anche acquistare, il loro asiago di malga, per un acquisto a km 0.
























Un evento in crescita, che ogni anno migliora, si arricchisce per divenire sempre più completo nella presentazione dei sapori di montagna. L'unico mio dispiacere? Non aver potuto partecipare, causa la possibilità di salire in quota solo ieri pomeriggio, ai tanti interessanti eventi organizzati in questa occasione: laboratori, convegni e dimostrazioni su come si produce il burro e il mio amato asiago! Un appuntamento da segnare già in agenda per l'anno prossimo: l'obiettivo sarà riuscire a ritagliarmi il tempo necessario per partecipare ad almeno un paio degli eventi che verranno organizzati. Arrivederci all'anno prossimo "Made in malga"!





























0 commenti:

Posta un commento