Storia, natura e formaggi della Val Formica

Storia, natura e formaggi: queste le tre tematiche cardine dell'escursione di mercoledì mattina.




Le nostre guide


Le Guide dell'Altopiano di Asiago ci hanno accompagnati lungo il sentiero che da Val Formica, zona Larici, giunge sino a Porta Manazzo. Lungo tutto il percorso si respira aria di storia: qui la Prima Guerra Mondiale ha imperversato, segnando per sempre queste vette.











L'antica strada ancora sterrata, costruita nel corso della Grande Guerra, conduce, tra i suoi boschi e i suoi pascoli, fino a Porta Manazzo: e il panorama vale la piccola fatica! Domina la valle dalla parte del Brenta e della Valsugana e in lontananza fanno capolino le dolomiti trentine.








Monte Verena all'orizzonte




















Scorcio da Porta Manazzo



E proprio qui, in un avallamento vicino a Porta Manazzo, sorge l'omonima malga che abbiamo potuto visitare. Malga, termine con cui (ho scoperto in questa occasione) indica non solo l'edificio dove si produce il formaggio, ma anche tutto il territorio di pascolo delle mucche unitamente a porzioni di bosco. Territorio che il malghese ha il compito di accudire, conservare e preservare. Ma soprattutto ha la grande responsabilità di conoscere a fondo per sapere quando sfalciare l'erba, quali piante i suoi bovini mangiano e quali erbe deve eliminare perché velenose.



All'orizzonte il Portule



Erbe che sono fondamentali per il pascolo, per il loro sostentamento e per il latte che poi produrranno. E tutto ciò si può respirare dentro la piccola malga di Porta Manazzo dove si produce un Asiago di qualità eccezionale! Qui si allevano solo mucche Burline, vacche indigene delle Prealpi vicentine: parche di acqua, snelle, si muovono agevolmente lungo i pendii di questa zona. Producono una minore quantità di latte rispetto le altre razze, ma più grasso e di qualità superiore proprio perché si tratta di vacche che vivono pascolando.


Dalla lavorazione di questo pregiato latte non può che prodursi un Asiago dall'intenso sapore di latte, un formaggio dal colore giallo paglierino, un formaggio che si scioglie letteralmente in bocca. Un Asiago che profuma di montagna, che riempie gli occhi di una rara bellezza e che difficilmente si lascia dimenticare!


Attrezzo per la produzione del formaggio


Attrezzi per la produzione del formaggio
Malga






Le forme per il formaggio

Asiago pressato e asiago stravecchio

0 commenti:

Posta un commento