Tra i borghi dell'Umbria: Città di Castello e Umbertide

Ed eccomi qui, tornata da voi con un carico ricco di fotografie e racconti della mia vacanza nella splendida Umbria. Un viaggio primaverile che mi ha portata nel bel mezzo del nostro Paese. Proprio nel cuore dell'Italia si snodano le strade umbre: un continuo sali e scendi, lungo le sue colline verdeggianti. Un susseguirsi di curve che ti portano su, su, su, per poi ridiscendere verso valle attraverso un verde lussureggiante che caratterizza l'intera regione. 

Lungo il tragitto non si sa mai quale magnifico paesaggio si staglierà dinnanzi ai propri occhi: ogni curva riserva uno scorcio mozzafiato e chilometro dopo chilometro si comprende sempre più profondamente quanto solo la natura sappia regalare spettacoli meravigliosi!




E proprio tra queste rigogliose colline si aprono i molteplici borghi di origine medioevale, impregnati di storia e di quel fascino antico che solo questi centenari monumenti sanno trasmettere.


Questo viaggio lungo l'Umbria settentrionale ha avuto inizio proprio in uno di questi fantastici borghi: Città di Castello. 


Cattedrale


Torre civica

L'arrivo è avvenuto intorno a mezzogiorno, in una splendida e assolata domenica di metà maggio. Lasciata la macchina ai piedi dell'abitato, ci siamo inerpicati, tramite scale, sino al cuore pulsante: la piazza principale dove ad accoglierci c'erano l'imponente cattedrale, la torre civica, il palazzo del comune e subito alle loro spalle, la torre rotonda. Da qui è partita la visita attraverso i suoi vicoli, alla scoperta di chiese, palazzi e monumenti che la rappresentano.








 













Teatro comunale
Devo dire che la visita di domenica e durante la pausa pranzo ha i suoi pregi e i suoi difetti. Molti siti storici e religiosi li abbiamo potuti ammirare solo esternamente. D'altro canto, però, la quiete della città è stata un'esperienza irripetibile: nessun vociferare o schiamazzare, tutto era avvolto da un'aria di serenità e pacatezza. Il rumore del venticello e il cinguettio degli uccellini: un'atmosfera magica per iniziare il nostro soggiorno.




Torre rotonda



Pinacoteca



















 

Da Città di Castello ci siamo diretti verso la nostra meta finale, Perugia, con una breve sosta lungo il percorso nel borgo di Umbertide. Un piccolo centro cittadino dove le tracce della storia passata sono ancora ben vivide!






 




















Tortino di patate su crema di provola e zafferano
E finalmente, dopo essere giunti a Perugia, esserci riposati ed essere scesa la sera, ci siamo diretti verso l'ultima fatica della giornata: la cena in un agriturismo poco fuori città, immerso tra gli oliveti delle colline umbre. Una cena a dir poco squisita in una location semplice, ma molto curata e suggestiva, ed una cucina locale genuina e gustosa! Insomma se passate da queste parti fate un salto all'agriturismo "Il Melograno" e vedrete che non ve ne pentirete!


Stringoli con porcini, salsiccia e tartufo
Tagliatelle con ragù bianco di cinghiale














Faraona ripiena



Brasato di black angus su cestino di pane







0 commenti:

Posta un commento