Pasta fresca che passione: cannelloncini al ragù bianco

Buona Pasqua e buona Pasquetta amiche e amici! Dopo le grandi abbuffate di ieri e le grigliate e/o pic-nic di oggi è arrivato il momento di rotolare: ahahah ;-) A parte gli scherzi, trascorso bene queste festività? Io, oltre a mangiare, sono andata a fare una bella gita a Venezia: una città che sprigiona autentica magia. Calli e rioni che offrono scorci mozzafiato, palazzi che si specchiano sulle acque che la caratterizzano: una vera e propria opera d'arte a cielo aperto.

E dopo queste gioiose giornate, è ora di tornare alla nostra amata cucina. A partire da oggi parlaremo di uno dei piatti più amati del nostro Paese: la pasta, anzi la pasta fresca. All'uovo e di semola di grano duro, cannelloni e pasticcio, tagliatelle, farfalle e ravioli: diversi formati, ma tutti estremamente deliziosi. Io proprio non saprei decidere quale versione mi piace di più! Ma bando alle ciancie, iniziamo questa settimana con la ricetta che ha allietato il nostro palato a Pasqua: cannelloncini con ragù bianco.



 
INGREDIENTI per 6 persone:

200 gr FARINA 00
2 UOVA
200 gr CARNE DI POLLO macinata
100 gr CARNE DI TACCHINO macinata
50 gr PROSCIUTTO CRUDO
200 gr MASCARPONE
1 CAROTA
1 COSTOLA DI SEDANO
1 CIPOLLA piccola
100 gr LATTE
1 bicchiere VINO BIANCO secco
1 rametto ROSMARINO
GRANA GRATTUGIATO q.b.
BURRO qualche fiocchetto
sale, pepe e olio extravergine di oliva

PROCEDIMENTO:

Cominciate con il preparare il ragù bianco.
In una casseruola rosolate cipolla, carota e sedano tritati finemente con un filo di olio. Trascorsi dieci minuti unite il prosciutto crudo tritato al coltello e dopo cinque minuti le carni e il rosmarino: fate rosolare altri cinque minuti e sfumate con il vino bianco. Fate evaporare bene. 
A questo punto aggiungete il latte e fate cuocere a fiamma moderata fino a che il vostro ragù non risulterà bello asciutto: salate, pepate e fate intiepidire. Solo ora amalgamate insieme il mascarpone.

Nel frattempo preparate la vostra pasta.
In una terrina ponete la farina con un pizzico di sale e formate una fontana: al centro mettete le due uova e impastate per bene fino ad ottenere una bella pallina liscia ed omogenea. Vi consiglio di spostarvi sulla spianatoia per poterla lavorare più energicamente. Fate riposare per mezz'ora prima di stenderla con la "nonna papera". Io l'ho divisa in quattro parti e stesa fino alla penultima tacchetta. Ricavate dodici rettangoli di 15 cm di lato e sbollentate le vostre sfoglie in acqua bollente salata con un filo di olio per un paio di minuti. Scolate e stendete su un canovaccio.
A questo punto non vi rimane altro che spalmare il vostro ragù su ciascun rettangolo, arrotolate e tagliate ciascun cannellone in tre parti della stessa lunghezza. Riponete in una pirofila imburrata, cospargete con grana grattugiato e qualche fiocchetto di burro: cuocete in forno già caldo a 180° per 30 minuti coperto con un foglio di alluminio: eliminate la carta alluminio e cuocete per altri dieci minuti. Sfornate e servite ben caldi.




Questo primo piatto è una mia rivisitazione di una ricetta trovata su una rivista, "Cucina moderna - serie oro": appena l'ho vista me ne sono innamorata e da allora almeno una volta l'anno la preparo con le modifiche che rendono questo piatto così speciale. Un gusto delicato, un ripieno cremoso e il tocco in più...la pasta fresca fatta con le vostre manine!

0 commenti:

Posta un commento